Cari amici CMB e 2erre Sport

Adesso che (purtroppo) siamo a bocce ferme possiamo tirare le fila di ben 2 mesi di regolare attività nell’anormalità di questa epoca Covid: parliamo di 2 mesi perché per noi, come detto in più di una occasione, questa stagione è iniziata a metà luglio e, al netto della pausa agostana, al momento è stata sospesa solo a metà ottobre.
Una sospensione non è una interruzione: non abbiamo la sfera di cristallo ma se e quando ci sarà la ripartenza noi saremo pronti, come ci siamo fatti trovare pronti con i nostri coach (tra i primi in assoluto) a metà luglio a riprenderere il nostro ruolo sul campo.Sì, sul campo, perché quello è ciò che il CMB fa e – normative permettendo – intende continuare a fare.
Ad oggi il nostro sistema di monitoraggio e la nostra rigidità e prudenzialità nell’adempimento dei protocolli via via messi a punto dalla Federazione hanno funzionato egregiamente: nessun caso Covid esportato, gestiti senza criticità i numerosi casi potenzialmente importabili.Di questo non possiamo che ringraziare i genitori dei ragazzi dei nostri gruppi che hanno compreso lo spirito delle nostre ferme prese di posizione, i coach che si sono prestati al costante controllo e segnalazione delle situazioni critiche e soprattutto i ragazzi che responsabilmente hanno interiorizzato lo strumento dell’auto-monitoraggio.Ringraziamo chi in tutto questo periodo ci ha sostenuto moralmente ma anche economicamente pagando senza batter ciglio le quote di iscrizione nonostante le incertezze del periodo consapevoli dell’importanza di “tenere acceso il motore” nell’interesse di tutti, ma anche chi ci ha “criticato” in modo costruttivo, consentendoci di migliorare o di correggere in corsa alcune scelte.Senza dimenticare i nostri sponsor, che da subito si sono fatti sentire vicini.
Un gioco di squadra, questo, che non può che renderci orgogliosi di essere il CMB Rho.
Ci piace chiudere questa lunga comunicazione condividendo il messaggio ricevuto nel corso di questi mesi dal papà di uno dei nostri ragazzi, messaggio che da solo è un fortissimo sprone a guardare avanti con ottimismo e fiducia:


“Orgogliosi di fare cose grandi. Avete fatto rinascere la fenice del CMB. Questo vi deve essere sempre riconosciuto e io sono felice che possa prendere parte a questo progetto nel mio piccolo come genitore di un vostro atleta!GRAZIE”


Sperando di poter tornare quanto prima a raccontarvi di basket giocato porgiamo i nostri sportivissimi saluti.

A presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.